martedì 26 luglio 2011


Inviando un SMS al 3341051030 con l’autostrada che state percorrendo, il senso di marcia, il km e dettagli sul cane che avete visto, metterete in moto la macchina di IO L’HO VISTO, che intervenendo salvera’ il piccolo malcapitato da una brutta fine!!!!!


Memorizzatelo!!!!

lunedì 25 luglio 2011

...che stanchezza...

Mi ci vorrebbe un week end per riposarmi da quello appena passato e soprattutto per poter finire le pulizie del post muratore...Se tutto va bene tra stasera e domani sera riuscirò a riavere la sala finita, dopo bene un mese e mezzo di "sbaraccamento"
Ieri ero intenta proprio come cenerentola a pulire il pavimento con secchio e spugna passando piastrella per piastrella per cancellare ogni traccia lasciata dai muratori e le seguenti di pittura lasciate dal mio pittore *topopasticcio* che per fortuna di pasticci non ne ha fatti....
Detto questo vi auguro un buon inizio settimana. . .

lunedì 11 luglio 2011

Finalmente sono riuscita a farlo....

Clafoutis alle ciliegie



Ingredienti
2 cucchiai di Brandy
500 g. di ciliegie
90 g. di farina
200 ml. di latte
3 uova
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina
100 g. di zucchero
zucchero a velo per decorare

Procedimento
Per preparare il clafoutis alla ciliegie lavate le ciliegie, asciugatele, togliete loro il gambo e denocciolatele (a meno che non vogliate essere fedeli all’antica tradizione!). Accendete quindi il forno a 180°C, imburrate leggermente una pirofila dai bordi bassi (dalla capacità di un litro abbondante), e cospargetela di zucchero.
Sbattete in una terrina le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso e il doppio del volume iniziale; aggiungete la vanillina e poi setacciate la farina incorporandola bene con un cucchiaio di legno al composto.
Aggiungete poco alla volta il latte, mescolando delicatamente, e il Brandy. Distribuite uniformemente le ciliegie sul fondo della pirofila, e versate sopra di loro la pastella ottenuta precedentemente: infornate per 40-45 minuti, finchè il clafoutis diventerà soffice e ben dorato.
A cottura avvenuta, togliete il clafoutis dal forno e spolverizzatelo con lo zucchero a velo. Servitelo tiepido.
[A me è piaciuto di più il giorno dopo fresco di frigo]

giovedì 7 luglio 2011

Ho imparato che per ogni cosa ci vuole il tempo giusto..





Che bisogna saper aspettare: aspettare che il pane lieviti, che il pane cuocia. Che alterare questi tempi vuol dire alterare la qualità. E che alla fine tutto quello che fai deve passare dal forno. E il forno è la coscienza. E' dopo che il pane è uscito dal forno che capisci se hai fatto le cose giuste o no..

[fabio volo]


 Buon Week End    




L'amore è sempre paziente e gentile, non è mai geloso...
L'amore non è mai presuntuoso o pieno di sé, non è mai scortese o egoista, non si offende e non porta rancore. L'amore non prova soddisfazione per i peccati degli altri ma si delizia della verità. È sempre pronto a scusare, a dare fiducia, a sperare e a resistere a qualsiasi tempesta...

venerdì 1 luglio 2011